Risparmiare per investire nello studio è educazione finanziaria

Educazione Finanziaria: tappe e momenti di vita

Educazione Finanziaria: la paghetta e dintorni

Muovere i primi passi nel mondo dell’Educazione Finanziaria è semplice, quasi un gioco! Siamo piccoli piccoli quando entriamo per la prima volta in contatto col denaro. Il primo approccio probabilmente saranno stati i soldi di carta nel gioco del negozio con la cassa che si apriva per fingere di pagare: un primo passo ma importante perché ci ha introdotti al concetto di mercato e di costo dei prodotti.

Poi probabilmente ci siamo trovati in uno dei musei interattivi dove abbiamo potuto “creare denaro” e così siamo stati introdotti al concetto di conio.

Questi sono stati per molti di noi i primi rudimenti di Educazione Finanziaria. Abbiamo imparato per gioco altre cose importanti come contare i soldi andando dal giornalaio a comprare una rivista per bambini e a risparmiare conservando alcune piccole mance per unirle ed acquistare un gioco magari un po’ più costoso.

Tutti questi avvenimenti sono ricordi piacevoli di una età che spesso è prescolare. Poi si cresce e dal gioco si passa a concetti più articolati che spesso richiedono approfondimenti o comunque maggiori chiarimenti. L’Educazione Finanziaria è un percorso lungo tutta la vita e che ci arricchisce negli anni sino a fare di noi soggetti altamente consapevoli.

Quando si è studenti si ha la sensazione di avere sempre pochi soldi ma ogni entrata è una risorsa che ci richiede di essere gestita dal regalo alla paga per semplici servizi. E’ il primo momento in cui potremmo pensare per esempio ad un libretto di risparmio ed alla pianificazione delle nostre entrate – uscite per evitare di scoprirci in difficoltà. In questa fase l’Educazione Finanziaria può essere stimolata dalla volontà di comprendere al meglio come funziona un libretto di risparmio.

In adolescenza si potrebbe presentare la prima occasione di un viaggio studio all’estero. Un momento perfetto per conoscere ed apprezzare lo strumento della carta di credito prepagata. Il primo strumento elettronico che ti offre grande autonomia e che richiede grande consapevolezza.

E per gradi, perché il percorso è anche questo, si arriverà all’età adatta ad avere un proprio conto corrente. Allora sarà un approccio corretto e di importante valore interessarsi al suo funzionamento. Alle opportunità ed ai servizi che vengono offerti ed al costo di mantenimento di questo oltre che al calcolo delle spese. In età adulta probabilmente entreremo tutti in contatto anche con il concetto di credito: una opportunità che è necessario saper valutare e gestire al meglio.

In questa pagina ci piace segnalarti letture utili e interessanti per questa ragione potresti visitare il sito del MIUR nelle pagine dedicate a questi argomenti e leggere tutti i nostri articoli sul tema.

Breve storia dell’educazione finanziaria lunga una vita!

A presto.