cessione del quinto dello stipendio - statistiche 2013

La cessione del Quinto dello Stipendio chiude bene l’anno 2013

La cessione del Quinto dello Stipendio chiude bene l’anno 2013

Dopo la brusca riduzione dell’anno precedente per il prestito disegnato su misura per i lavoratori dipendenti l’anno 2013 si chiude con un’evoluzione positiva. La Cessione del Quinto dello stipendio, come già accaduto nei primi mesi del 2013, anche a dicembre registra un miglioramento pari al 2,4% sull’anno 2012 (dati Assofin 2013). Nonostante la performance positiva delle Cessioni del Quinto però il trend complessivo delle erogazioni di Credito al Consumo per il 2013 rimane in contesto negativo.

E’ quindi la Cessione del Quinto dello stipendio il prestito scelto per rispondere alle esigenze di liquidità che caratterizzano questo secondo decennio degli anni 2000. Ad accedere a questa forma di finanziamento garantito sono soprattutto idipendenti privati ed i pensionati sebbene la Cessione del Quinto nasca come finanziamento per i dipendenti pubblici e statali.

Il boom di questa tipologia di finanziamento dimostra come il pubblico apprezzi i vantaggi che caratterizzano il prodotto quali la semplicità di gestione, il tasso fisso e le garanzie che lo caratterizzano.

Con la Cessione del Quinto dello stipendio infatti non è necessario ricordarsi di versare la rata del finanziamento ma è direttamente il datore di lavoro ad effettuare il rimborso e ad addebitare in busta paga l’importo sino ad un massimo della quinta parte dello stipendio considerato al netto delle trattenute di legge. Si ha inoltre la garanzia del tasso fisso e della rata fissa per tutta la durata del finanziamento: questo secondo aspetto permette al dipendente finanziato di gestire al meglio il proprio stipendio pianificando le spese ed avendo immediata comprensione della propria disponibilità monetaria.

In ultimo il forte legame tra la condizione di dipendente e l’erogazione del finanziamento riduce i rischi di legati al prodotto ed in particolare riduce il rischio di mancato versamento delle rate al punto che tale finanziamento può essere consesso anche a coloro che hanno avuto in precedenza difficoltà di pagamento e che pertanto sono stati segnalati come cattivi pagatori in Crif o sono incorsi in un protesto.

Si può accedere a questo finanziamento garantito per fare fronte a spese improvvise ma sempre più la Cessione del Quinto dello stipendio risponde ad esigenze quali l’acquisto di un’auto o la ristrutturazione della casa proponendosi pertanto come alternativa alle più note forme di finanziamento per l’acquisto di beni.