password sicure - conti correnti online - educazione finanziaria - consulenza finanziaria

Password sicure per conti correnti online

Password sicure per conti correnti online

La quasi totalità degli istituti di credito oggi utilizza servizi online, trasferimenti e operazioni bancarie sono a portata di tastiera, mouse e schermi touchscreen. Le misure di sicurezza ci sono, ma spesso anche una password troppo semplice può portare a conseguenze poco piacevoli. Pochi semplici consigli possono evitare il peggio.

Per prima cosa ecco le caratteristiche per una password sicura:

Deve

1. avere non meno di 10 caratteri;

2. essere formata caratteri alfanumerici (lettere Maiuscole, Minuscole, numeri  e quando possibile simboli);

Non deve

3. contenere dati legati all’identità (date, nomi di familiari, animali domestici, targhe auto ecc);

4. utilizzare parole di senso compiuto;

5. essere trascritta da nessuna parte, il luogo migliore dove conservarla è la vostra memoria.

Attenersi a questi cinque punti renderà  più difficile tentare di individuare i codici di accesso ai portali dei servizi finanziari online che utilizzate, la complessità della password aumenterà il livello di sicurezza rendendo la vita più difficile a chiunque voglia tentare di accedere ai vostri conti.

E’ in ogni caso importante utilizzare un codice di accesso diverso per ogni diverso portale e considerando che non dovrete scriverlo da nessuna parte non sarà semplice ricordare tutti i codici a memoria.  Il nostro consiglio per semplificarvi la vita e tenere al sicuro i vostri conti è di non memorizzare tanto i codici di accesso quanto un metodo per ricavarli al momento, partendo da una parte di codice fisso, una tabella scritta e un sistema di codifica da applicarsi agli elementi di quest’ultima.

Vediamo in tre punti  quanto sopra:

La radice della password.

Stabiliamo una sequenza di numeri, simboli e lettere che sfrutta tre o quattro caratteri della password. Potremo posizionarla all’inizio, alla fine o in mezzo alla password completa. E’ importante per questa parte

rispettare i 5 punti affrontati in precedenza, quindi (ad esempio):

M =lettera maiuscola

i =lettera minuscola

8 =numero

$ =simbolo

 

Avremo quindi Mi8$ come parte della chiave di accesso da ricordare assolutamente a memoria.

La tabella di decodifica.

Se utilizziamo un solo servizio online è superflua, ma quando i servizi sono molteplici ci costruiamo una tabella che ci aiuterà a generare di volta in volta la password per il relativo servizio.

Sarà composta da tre colonne e tante righe quanti sono i servizi (ad esempio):

 

Nome ServizioParola di decodificaProgressivo

Ktesios                                       giallodieci         1

Mediocredito Europeo                biancobludue     1

CreditoXte                                  verdeduemila     1

La funzione della tabella è quella di associare ad ogni servizio una parola di decodifica ed un numero che andremo ad utilizzare per eventuali cambi di password. Potremo tranquillamente annotare la tabella nella nostra agenda o sullo smartphone evitando di descrivere il suo scopo e di tenerla in vista sempre e comunque, anche se il suo smarrimento sarebbe di  poca utilità per rintracciare le password.

Il metodo di codifica.

Utilizzando la tabella appena descritta con un opportuno sistema di codifica andiamo a completare il processo di composizione delle nostre parole chiave. Applicando un metodo deciso da noi andremo a ricavare la parte restante della parola chiave, completando così la composizione.

Generare la password

Tenendo conto dei caratteri che compongono la radice della password, della tabella di decodifica e del numero progressivo,  scegliamo ad esempio di applicare il seguente metodo:

prima lettera parola di decodifica +

radice +

terza lettera parola di decodifica +

progressivo +

ultime tre lettere  in maiuscolo parola di decodifica.

Le password risultanti saranno quindi:

gMi8$a1ECI

bMi8$a1DUE

vMi8$r1ILA

 

E’ possibile utilizzare sistemi di codifica più complessi o più semplici, lunghezza di password superiore o inferiore, non è strettamente necessario usare il metodo suggerito in questo articolo, anzi, visto che è stato qui da noi reso pubblico lo sconsigliamo!

 

Siamo certi che con questo metodo otterrete password più sicure e con uno sforzo in più sarete in grado di ricavarle tutte, sempre, ovunque siate.

Abbiamo sottoposto le password di questo articolo ad un sito (http://www.passwordmeter.com/) che ne misura l’efficacia ed abbiamo ottenuto un punteggio pari al 100%