pensione di reversibilita - tagli - educazione finanziaria - consulenza finanziaria

Pensione di Reversibilità, arrivano i tagli?

Pensione di Reversibilità, arrivano i tagli?

Arriva in Commissione Lavoro della Camera la Delega del Governo su un disegno di legge che prevede la modifica dei criteri per l’assegnazione della pensione di reversibilità ed è subito bufera tra Sindacati, Governo Renzi e altri esponenti politici.

Nel disegno di legge sul sostegno alla povertà, che andrebbe a riformare i criteri di reddito e patrimonio per l’accesso a determinate misure, è contenuto un punto che vedrebbe la trasformazione della pensione di reversibilità, ad oggi una misura previdenziale che trasferisce la pensione del coniuge defunto a quello in vita, in una misura assistenziale legata al reddito familiare (ISEE).

Cosa cambia?

Se questa ipotesi diventasse concreta cambierebbero i criteri per l’assegnazione della pensione di reversibilità che sarebbero calcolati in base al reddito familiare che, lo ricordiamo, è composto anche da elementi patrimoniali quali ad esempio la casa. Questo significa che ad una larga parte dei coniugi in vita non verrebbe più riconosciuto o verrebbe ridotto il diritto alla pensione di reversibilità della moglie o del marito defunto.

Probabilmente dovrebbero essere applicati maggiori criteri per evitare sprechi o situazioni di speculazione, ma in fin dei conti ad oggi la reversibilità è un contributo previdenziale pagato dai lavoratori, è corretto trasformarli in una misura assistenziale?


Diteci la vostra nei commenti.